sabato, Febbraio 24, 2024

Roma, don Ciotti torna al campo “don Pino Puglisi” a Montespaccato

“Istruzione, sport e cultura fondamentali per sconfiggere...

Schlein replica su terzo mandato, minoranza Pd insiste: chiarimento

Nardella: “Tema ancora aperto” Roma, 23 feb. (askanews)...

Congresso Forza Italia con vista Europee.Tajani: Berlusconi come Maradona

Sullo sfondo la competizione (negata a parole)...

Associazione produttori olivicoli toscani torna a Pitti Taste

AttualitàAssociazione produttori olivicoli toscani torna a Pitti Taste

In degustazione l’olio evo di 10 aziende

Roma, 31 gen. (askanews) – APOT, Associazione Produttori Olivicoli Toscani, che conta oltre 3000 olivicoltori e una produzione media annua di 19.000 quintali di olio di oliva su tutto il territorio toscano, partecipa per la seconda volta a Pitti Taste. La manifestazione, giunta alla 17esima edizione, si svolgerà dal 3 al 5 Febbraio 2024, nella Fortezza da Basso, a Firenze.

APOT sarà presente tramite APOT Siena con un proprio stand Q10, situato nel padiglione centrale al piano terra, dove sarà possibile conoscere e degustare una selezione di oli toscani (non solo della Provincia di Siena). Le aziende produttrici sono Colle Massari, Castello di Albola, Col d’Orcia, Poggio Bonelli, Azienda Agricola Bagno a Sorra di Fanciulli, Orgolio della Poderina, Dievole, Il Borro, Podere Ricavo, La Crocetta.

“Pitti Taste rappresenta un’opportunità senza pari per esporre i nostri prodotti tra le più alte espressioni del gusto italiano – commenta il direttore Unione Provinciale Agricoltori e responsabile sezione Apot di Siena, Gianluca Cavicchioli – È una vetrina straordinaria per i nostri imprenditori, offrendo loro, per il secondo anno consecutivo, la preziosa possibilità di presentare le proprie aziende e di narrare con orgoglio la storia del proprio olio. Questo evento non solo celebra l’eccellenza culinaria del nostro territorio, ma anche l’arduo lavoro e la passione di tanti produttori, che con dedizione plasmano il carattere distintivo dei nostri prodotti e del Made in Italy”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles