giovedì, Aprile 25, 2024

Europarlamento approva direttiva Ue contro violenza di genere

Armonizza definizioni reati, ma resta stupro basato...

Autogol Lega su Autonomia, assente manda sotto maggioranza. E’ caos

Opposizione attacca Presidente Commissione. Tajani chiede impegni...

Vino, dal 27 al 29 aprile a Città di Castello va in scena “Only Wine”

Tante novità al Salone dei giovani produttori...

Imprese, CNA Federmoda: una su due prevede fatturato in calo nel 2024

Peggiora la crisi del settore moda Si addensano...

Baviera e Assia, tante le incognite sul voto regionale dell’8 ottobre

video newsBaviera e Assia, tante le incognite sul voto regionale dell'8 ottobre

Test per Scholz e alleati, e banco di prova per estrema destra

Roma, 6 ott. (askanews) – Dopo una campagna elettorale caratterizzata da duri attacchi contro il partito dei Verdi e uno scandalo antisemita, i bavaresi andranno alle urne l’8 ottobre per rinnovare i membri del Parlamento regionale. Sono circa 14 i milioni di elettori chiamati alle urne tra Baviera – roccaforte dei cristiano-sociali (Csu), partito di centro-destra fratello della Cdu nazionale – e Assia, sempre domenica, dove è candidata per i socialdemocratici la ministra dell’Interno Nancy Faeser. Un voto seguito con particolare attenzione da Berlino, come test sulle forze del cancelliere Scholz e dei suoi alleati della coalizione Semaforo (Verdi e Fdp), ma anche come banco di prova, l’ennesimo, per l’estrema destra Afd: “É difficile da dire. È difficile classificare i partiti. Hanno tutti attualmente lo stesso obiettivo, ad eccezione della Afd – afferma Norbert, elettore bavarese – che per me non è eleggibile”.Il governatore della Baviera, il mediatico Markus Soeder, che, non è un segreto, aspira da tempo a fare il salto a livello federale, ha attaccato i Gruenen per essersi rifiutati di prolungare la vita delle centrali nucleari nel Paese e per avere imposto lo stop delle caldaie a gas dal 2024. Sui cartelloni dei Gruenen a Monaco di Baviera lo slogan “scegli il cuore e non la canicola” (“waehl Herz statt Hetze”).E poi in Baviera ci sono i “Freie Waehler”, i “liberi elettori” partito populista guidato da Hubert Aiwanger, vice-presidente del governo bavarese, accusato di aver scritto un volantino anti-semita quando era al liceo. Qualche giorno fa a un incontro del partito in un tendone dell’Oktoberfest ha dichiarato: “Sì, stiamo lottando per garantire di continuare a governare la Baviera in modo stabile dopo l’8 ottobre. Questo è il mio messaggio, signore e signori, vogliamo continuare a governare. Non vogliamo una linea verde nel governo regionale bavarese!”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles