venerdì, Febbraio 23, 2024

Gli Usa tornano sulla Luna dopo 52 anni, sbarcato il lander Odysseus

Primo allunaggio da parte di un’entità non...

La Roma passa ai rigori, Feyenoord ko

Giallorossi agli ottavi di Europa League, domani...

Riciclo, Industrial Deal e Green Deal al centro della nuova Europa

Il messaggio dall’incontro WEC Italia – Globe...

Maggioranza divisa boccia terzo mandato, Lega: non è finita qui

Ciriani: meglio se avessero ritirato. Pd vota...

Chiara Bersani e Lorenzo Giusti in HangarBicocca: parole di oggi

video newsChiara Bersani e Lorenzo Giusti in HangarBicocca: parole di oggi

Nel museo milanese un talk tra l’artista e il curatore

Milano, 27 gen. (askanews) – Ci sono tanti modi per parlare di arte oggi, e uno di questi è farlo guardando in faccia i corpi e il mondo, togliendo ogni forma di piedistallo per calarsi in ciò che è vero, e difficile, e libero. Come hanno fatto in Pirelli HangarBicocca un’artista, Chiara Bersani – performer, danzatrice, scrittrice – e un curatore, Lorenzo Giusti, direttore della GAMeC di Bergamo. Due teste interessanti che hanno collaborato al progetto “Deserters” e che nel museo milanese si sono confrontate sul titolo “Del curvare il tempo”. E il tempo lo si curva solo usando i propri corpi.”Se sei un artista con disabilità in un Paese che non prevede artisti con disabilità – ha dato Chiara Bersani alla platea – ti ritrovi dal lato con l’enorme fatica di doverti ritagliare degli spazi, dall’altro lato, però, anche con l’enorme possibilità di muoverti in modo anche incoerente. Poi ci sono tanti modi di essere incoerente, ma a livello di linguaggi ti puoi spostare e ti sposti in base alle relazioni, non ti sposti in base a una coerenza linguistica, perché tanto non esiste un linguaggio che ci accolga realmente a braccia aperte”.Accoglienza, parola decisiva del nostro presente, che si declina poi nel concetto di accessibilità: fisica e museale, certo, ma se vogliamo parlarne sul serio poi l’idea va ampliata ed estesa. “Per estenderlo veramente – ha aggiunto Lorenzo Giusti – bisogna portarlo sul piano della produzione, bisogna portarlo sul piano delle traiettorie di scrittura. E questo naturalmente lo possiamo fare principalmente attraverso il contributo degli artisti, In questi anni abbiamo visto delle esperienze importanti, anche con il lavoro di Chiara e di Giulia Traversi che ne stanno monitorando parecchi, perché partecipano a questa esperienza internazionale e stanno creando una sorta di osservatorio”.Quello che si vede è che, fuori da ogni retorica e giochetto comunicativo o politico, l’arte contemporanea di questo parla: di vita, persone, diritti, diversità. Del poter essere ancora liberi.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles