sabato, Febbraio 24, 2024

Draghi all’Ecofin: servono azioni coraggiose per investimenti Ue

Per doppia transizione, difesa e nostri modello...

Meloni a Kiev: l’Ucraina combatte anche per la nostra libertà, l’Italia c’è

“Continuiamo a garantire il nostro sostegno” Roma, 24...

In Sardegna partita aperta, Truzzu e Todde appesi al fattore Soru

Centrodestra ricompattato all’ultimo alla prova delle urne,...

Confindustria, corsa per la presidenza: tre in lizza per il dopo-Bonomi

Dall'Italia e dal MondoConfindustria, corsa per la presidenza: tre in lizza per il dopo-Bonomi

(Adnkronos) – Entra nel vivo la partita per la presidenza di Confindustria. In attesa giovedì della nomina dei ‘saggi’ chiamati a valutare i nomi da sottoporre al Consiglio generale del 4 aprile, restano in lizza tre contendenti: l’attuale vice presidente degli industriali e tycoon emiliano del legno e del prosciutto Emanuele Orsini, il presidente del gruppo energetico Erg e del ‘Sole 24 ore’ Edoardo Garrone e il presidente del colosso siderurgico Duferco e numero Uno di Federacciai Antonio Gozzi. 

Quella che nei giorni scorsi sembrava profilarsi come una sfida a due tra Orsini e Garrone, torna ad essere una sfida a tre candidati come emerge dalla nota diffusa da Gozzi per ribadire “la sua disponibilità a mettersi a servizio del sistema confindustriale. La partita è ancora in corso”. Il primo a scendere in campo per la guida di Viale dell’Astronomia è stato Orsini con una campagna nel segno della discontinuità, la candidatura del genovese Garrone è arrivata di recente forte della benedizione degli industriali del Nord e dell’ex presidente Confindustria Emma Marcegaglia. Più debole, a quanto si apprende, la candidatura di Gozzi, che tuttavia non intende fare il passo indietro. Appare invece decaduta dalla ‘rosa’ dei papabili l’opzione di Alberto Marenghi, ad di Cartiera mantovana e attuale vice presidente di Confindustria. 

Prima tappa dell’iter per scegliere il successore di Carlo Bonomi, il cui mandato in scadenza a maggio non è rinnovabile, parte formalmente quindi giovedì con la nomina della commissione dei ‘saggi’, il 4 aprile il Consiglio generale composto da 182 imprenditori designerà il leader prescelto. Il presidente designato dovrà poi presentare la squadra e il programma da sottoporre al voto finale dell’assemblea il 23 maggio. 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles