venerdì, Febbraio 23, 2024

La Roma passa ai rigori, Feyenoord ko

Giallorossi agli ottavi di Europa League, domani...

Riciclo, Industrial Deal e Green Deal al centro della nuova Europa

Il messaggio dall’incontro WEC Italia – Globe...

Maggioranza divisa boccia terzo mandato, Lega: non è finita qui

Ciriani: meglio se avessero ritirato. Pd vota...

Destinazione Posso, Il mio viaggio con l’angioedema ereditario

video newsDestinazione Posso, Il mio viaggio con l'angioedema ereditario

Il cortometraggio on the road per una patologia rara

Roma, 13 set. (askanews) – Al via “Destinazione Posso – Il mio viaggio con l’angioedema ereditario”, campagna di sensibilizzazione promossa da Takeda con il patrocinio dell’Associazione volontaria per l’angioedema ereditario ed altre forme rare di angioedema, ITACA e UNIAMO, per inaugurare una nuova narrazione dell’angioedema ereditario attraverso la conoscenza, il senso di positività e la fiducia nel futuro.Un viaggio in auto da Milano a Roma per cambiare la narrazione di una malattia rara e poco conosciuta. Abbiamo parlato della malattia e dell’importanza di fare prevenzione con Mauro Cancian, Presidente Associazione ITACA: “L’angioedema è una patologia che viene trasmessa dai genitori ai figli ed è caratterezzata dall’insorgenza di gonfiori che possono interessare tanto il tessuto periferico: ad esempio le mani o i piedi; quanto l’addome con delle coliche acute, fino ad arrivare alle vie aere superiori. Il network ITACA racchiude i centri di riferimento italiani per questa patalogie ed altre forme di angioedema, garantendo anche che i pazienti con questa malattia ricevano una diagnosi e delle terapie adeguate”. Fulcro dell’iniziativa il cortometraggio cinematografico “Tutto il tempo del mondo” con Enzo Miccio, conduttore televisivo e testimonial della campagna, che interpreta se stesso in un viaggio che in poche ore cambierà la percezione di questa patologia: “Mi sono trovato immerso in un’atmosfera importante, si parlava di una malattia. Ho tirato fuori un messaggio positivo, ossia che non dobbiamo fermarci davanti a nessun ostacolo. La vita ci sorride e non dobbiamo farci arrestare dalla malattia. La sensibilizzazione è fondamentale, così come la diffusione. Facciamo un passo verso i pazienti sperando di aiutarli”. Oggi le persone con angioedema ereditario possono guardare con fiducia al futuro grazie alla ricerca, alle terapie ed una connessione virtuosa tra pazienti, specialisti e centri di riferimento che fanno capo al network ITACA.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles