sabato, Febbraio 24, 2024

Draghi all’Ecofin: servono azioni coraggiose per investimenti Ue

Per doppia transizione, difesa e nostri modello...

Meloni a Kiev: l’Ucraina combatte anche per la nostra libertà, l’Italia c’è

“Continuiamo a garantire il nostro sostegno” Roma, 24...

In Sardegna partita aperta, Truzzu e Todde appesi al fattore Soru

Centrodestra ricompattato all’ultimo alla prova delle urne,...

Disturbi uditivi e apparecchi acustici

video newsDisturbi uditivi e apparecchi acustici

Gilberto Ballerini: il valore dell’audioprotesista

Roma, 30 ott. (askanews) – Gilberto Ballerini, audioprotesista e titolare del centro Audiomedical di Pistoia, ci parla di questa figura e del suo valore sociale a fronte di un incremento sempre maggiore dei disturbi uditivi tra la popolazioneSecondo il Primo rapporto mondiale dell’OMS sul tema dell’udito, entro il 2050 ben 2,5 miliardi di persone saranno colpite da forme più o meno gravi di ipoacusia e almeno 700 milioni di queste necessiteranno di terapie e trattamenti riabilitativi. “Questi dati sono un chiaro campanello d’allarme da non sottovalutare, in quanto evidenziano l’incessante aumento di un problema di salute che incide pesantemente sulla qualità della vita del singolo e che provoca una grave ricaduta anche sulla società”, esordisce il dott. Gilberto Ballerini, tecnico audioprotesista che gestisce, con il Dott. Giuseppe Marazia, Elena Bernardini ed Elena Maltinti, Audiomedical di Pistoia, una realtà che da 40 anni è attiva sul territorio nel settore sanitario delle protesi acustiche. “Molto spesso sentiamo parlare di problematiche uditive attraverso le possibili soluzioni, invece di partire dal problema della persona” spiega il dottor Ballerini. È fondamentale rendersi conto che non esiste una soluzione adatta a tutti, come ad esempio un apparecchio acustico miracoloso che restituisca l’udito a chiunque nella stessa maniera. Ognuno di noi ha le sue caratteristiche precise, variabili irripetibili per quanto riguarda la percezione, lo stile di vita e il modo di sentire. “Per questa ragione è fondamentale che il tecnico audioprotesista prenda in carico la persona e il suo problema, per come lo percepisce e per come è abituato a vivere le relazioni” aggiunge Ballerini. Il tecnico audioprotesista è il professionista che si occupa delle problematiche uditive e della loro correzione attraverso l’uso delle protesi ed è una figura che assume mai come ora un imprescindibile valore sociale. “Anzi, sarà sempre più centrale nella gestione del problema uditivo – illustra Ballerini -. L’audioprotesista, infatti, è un riferimento cruciale per migliorare il benessere e la qualità della vita di una persona in quanto ha il compito di promuovere la prevenzione, il trattamento del disturbo e, quindi, la sua riabilitazione. Il valore sociale di questa professione si esprime soprattutto nel campo della prevenzione: affrontare precocemente il problema permette di intervenire con soluzioni protesiche personalizzate e performanti e, di conseguenza, consente di limitare lo sviluppo di malattie gravi che inciderebbero ancora di più, in termini sociali ed economici, sulla collettività”. Purtroppo la disinformazione, l’informazione distorta, o la stessa sottovalutazione del fenomeno spesso trattengono l’utente dall’accedere serenamente ai servizi a lui dedicati e quindi alle cure. “Moltiplicare gli interventi dei professionisti del settore e fare informazione e cultura dell’udito sono risorse da mettere in campo per dare la possibilità al paziente di comprendere il problema e richiedere con fiducia le dovute prestazioni sanitarie, tanto più che oggi la ricerca in ambito audioprotesico ha raggiunto livelli di eccellenza con la creazione di apparecchi acustici che, grazie alle più recenti innovazioni nel campo dell’intelligenza artificiale, sono in grado di favorire, talvolta in modo decisivo, l’elaborazione della voce anche in presenza di insistenti rumori di fondo” conclude Ballerini.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles