sabato, Aprile 13, 2024

Lavoro, Sbarra: unità e coesione per porre fine alla carneficina

I primi passi del Governo sono importanti,...

Gabry Ponte tornerà in tour con nuovi appuntamenti estivi

Il dj e produttore dei record celebra...

Estinto per la caccia, il Francolino torna in Sicilia dopo 150 anni

Progetto di Cantina Planeta e Fondazione Biodiversità...

Fuori “Sottosopra” nuovo singolo di Malika Ayane

Questo autunno si esibirà dal vivo con...

FederBio, agricoltura biologica non è più un fenomeno di nicchia

video newsFederBio, agricoltura biologica non è più un fenomeno di nicchia

Il punto sul settore alla sesta edizione della Festa del Bio

Bologna, 23 set. (askanews) – L’agricoltura bio non è più un fenomeno di nicchia: aumentano i produttori che scelgono la sostenibilità, così come crescono i Comuni che hanno deciso di eliminare l’utilizzo di pesticidi nei campi agricoli, nelle aree verdi e nelle mense pubbliche. Esempi virtuosi presentati alla “Festa del Bio” organizzata a Bologna da FederBio in occasione dell’European Organic Day. Qui si è fatto il punto sugli obiettivi della strategia europea “Farm to Fork” che prevede il raggiungimento del 25% entro il 2030 dei terreni agricoli coltivati bio.”Il biologico è spinto dall’Europa – ha detto Maria Grazia Mammuccini, presidente di FederBio -, la crescita al 25% ha la motivazioni di diminuire le emissioni, aumentare la biodiversità e ridurre l’uso della chimica in agricoltura. Questi valori, però, vanno comunicati ai cittadini perché dobbiamo far crescere la produzione, ma contemporaneamente dobbiamo far crescere i consumi”.I cittadini possono essere disponibili a spendere qualcosa in più se comprendono quali sono i valori per la loro salute e la salute dell’ambiente. “Oggi c’è un momento di difficoltà dovuto all’inflazione e alla difficoltà delle famiglie a spendere – ha aggiunto Mammuccini – ma c’è un aumento dei consumi nei discount che indica una naturale volontà dei cittadini ad aumentare i consumi”.La politica deve fare la propria parte. La legge 23 approvata lo scorso anno definisce già il quadro di regole all’interno del quale il settore deve muoversi per meglio strutturarsi. Inflazione e costo della vita possono influire negativamente sul settore. Per questo serve un sostegno concreto. Lo ha spiegato la vicepresidente Commissione agricoltura alla Camera, Maria Chiara Gadda, intervenendo a un dibattito: “La Legge di bilancio dovrà dare attenzione a questo aspetto, sostenendo gli acquisti della famiglie e, dal punto di visto tecnico, la legge sul bio dovrà essere attuata attraverso il piano d’azione, il piano delle sementi e attraverso delle campagne informative ed educative che il ministero dell’Agricoltura ha iniziato a mettere in campo”.Se ne è parlato alla sesta edizione della “Festa del Bio” dove oltre agli incontri e ai laboratori, si è svolto uno showcooking impreziosito dall’estro creativo del comico bolognese Vito.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles