martedì, 21 Maggio , 24

Europee, Le Pen rompe con Afd e Salvini è d’accordo

(Adnkronos) - Il Rassemblement National di...

Russia, via a esercitazioni con armi nucleari

(Adnkronos) - La Russia ha dato...

Sifilide e ‘super gonorrea’, l’allarme Oms: “Sempre più diffuse”

(Adnkronos) - Malattie sessualmente trasmissibili. "Crescono...

Giovani e sport, Staine (Regioni): confronto costruttivo con Abodi

AttualitàGiovani e sport, Staine (Regioni): confronto costruttivo con Abodi

Per continuare ad investire sullo sviluppo e il benessere
Roma, 21 mag. (askanews) – Confronto costruttivo tra una delegazione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e il ministro Andrea Abodi sulle politiche giovanili, al fine di condividere obiettivi e strategie comuni.
All’incontro a Roma con il ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi, hanno partecipato gli assessori regionali Emma Staine (Calabria), Coordinatrice della Commissione Politiche sociali della Conferenza delle Regioni, Roberto Santangelo (Abruzzo), Coordinatore vicario della Commissione Istruzione, Università e ricerca, Gianluca Cefaratti (Molise), Coordinatore vicario della Commissione Politiche sociali e Simona Renata Baldassarre (Lazio).
“Con il ministro Abodi abbiamo concordato di continuare ad investire sullo sviluppo e il benessere dei giovani, e cioè sul nostro futuro. E’ l’avvio di un confronto che si dimostra già molto costruttivo. Abbiamo illustrato le esigenze primarie dei territori sulle politiche giovanili, rilevando quanto sia fondamentale condividere obiettivi e strategie per la loro messa a terra. Confronto e condivisione che pertanto servirà anche a migliorare i progetti promossi dal governo e in particolare dal Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio civile universale della presidenza del Consiglio dei ministri”, spiega Staine.
“Abbiamo ribadito quanto sia importante una forte sinergia tra tutti i livelli istituzionali per finanziare e portare a compimento i diversi progetti. Per raggiungere gli obiettivi delle iniziative è infatti necessario un lavoro di coordinamento che permetta di sciogliere via via anche i nodi politici. È quindi indispensabile continuare nella concertazione sui principi fondamentali delle politiche giovanili, sulle funzioni specifiche, sulle risorse e sull’effettiva programmazione degli interventi. Oggi abbiamo fatto un passo in avanti nella giusta direzione”, conclude.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles