martedì, Febbraio 27, 2024

Malattie rare, Zecca conia moneta celebrativa per i 25 anni di UNIAMO

Sarà presentata ufficialmente il 29 febbraio (Giornata...

Stoltenberg: la Nato non ha piani per l’invio di truppe in Ucraina

Dall’Alleanza “sostegno senza precedenti” a Kiev Roma, 27...

Bari, Decaro: comprare voti cappio al collo della democrazia

“Quando mi sono candidato ho fatto due...

Cina, aziende straniere non lasciano ma investono meno

Sondaggio AmCham: ottimismo tra compagnie cinesi, meno...

“Griselda”, la Madrina del narcotraffico che faceva paura a Escobar

video news"Griselda", la Madrina del narcotraffico che faceva paura a Escobar

Su Netflix la serie interpretata da Sofia Vergara

Roma, 26 gen. (askanews) – Pablo Escobar disse di lei: “L’unico uomo di cui ho avuto paura era una donna, Griselda Blanco”. E “Griselda”, l’imprenditrice colombiana che ha creato uno dei cartelli della droga più redditizi della storia, è arrivata su Netflix. Questa donna interpretata da Sofia Vergara nella Miami degli anni ’70-’80, con un mix ferocia e fascino, è riuscita a tenere in pugno business e famiglia, guadagnandosi il soprannome di “Madrina”.”Io sono cresciuta negli anni ’80 e ’90 in Colombia, quando tutto questo succedeva, conoscevo persone che erano nel narcotraffico ma non sapevo ci fosse stata una donna di quel livello. Fu la prima a competere con gli uomini e per me tutto questo era molto affascinante”.I produttori di “Griselda” sono gli stessi di “Narcos”, il regista è Andrés Baiz, che spiega: “Lei ha superato in astuzia tutti gli uomini usando la sua intelligenza, la sua immaginazione, mentre loro la attaccavano usando solo la violenza e tattiche molto basiche”.Nella serie Griselda trascorre dieci anni come mente del traffico di droga di suo marito Alberto tra Medellìn e New York. Quando fugge in Florida con i suoi tre figli usa quell’esperienza per costruire una nuova vita. “So che le donne possono fare cose malvagie ma le fanno in maniera diversa dagli uomini che hanno quell’ego per cui devono dimostrare che sono i migliori. Noi lo facciamo generalmente per proteggere, per salvare qualcuno. Lei alla fine prende anche quella parte maschile, perché deve competere con loro e superarli” conclude Vergara.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles