sabato, Aprile 13, 2024

Lavoro, Sbarra: unità e coesione per porre fine alla carneficina

I primi passi del Governo sono importanti,...

Gabry Ponte tornerà in tour con nuovi appuntamenti estivi

Il dj e produttore dei record celebra...

Estinto per la caccia, il Francolino torna in Sicilia dopo 150 anni

Progetto di Cantina Planeta e Fondazione Biodiversità...

Fuori “Sottosopra” nuovo singolo di Malika Ayane

Questo autunno si esibirà dal vivo con...

Guccini: Dedico “Bella Ciao” a donne iraniane, diventa simbolo protesta

video newsGuccini: Dedico "Bella Ciao" a donne iraniane, diventa simbolo protesta

‘Ho cambiato una parola: invasore con oppressore’

Milano, 10 nov. (askanews) – “Dedico Bella Ciao alle donne iraniane, che la cantano in italiano perché è diventata una canzone internazionale ed è diventa anche simbolo della protesta, ma ho fatto un piccolo cambiamento, nel cui testo ho sostituito la parola invasore con oppressore, perché in Iran non c’è un invasore ma un oppressore. Così l’83enne cantautore Francesco Guccini, ha parlato del canto popolare in occasione della presentazione del suo ultimo album “Canzoni da osteria” alla Statale di Milano. “Non è una canzone partigiana, passa per esserlo, ma la cantavano anche le mondine”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles