venerdì, Febbraio 23, 2024

Gli Usa tornano sulla Luna dopo 52 anni, sbarcato il lander Odysseus

Primo allunaggio da parte di un’entità non...

La Roma passa ai rigori, Feyenoord ko

Giallorossi agli ottavi di Europa League, domani...

Riciclo, Industrial Deal e Green Deal al centro della nuova Europa

Il messaggio dall’incontro WEC Italia – Globe...

Maggioranza divisa boccia terzo mandato, Lega: non è finita qui

Ciriani: meglio se avessero ritirato. Pd vota...

Il teatro come forza d’arte, Bonalumi alla galleria Mazzoleni

video newsIl teatro come forza d'arte, Bonalumi alla galleria Mazzoleni

A Torino una mostra curata da Marco Scotini

Torino 6 nov. (askanews) – La scultura come forma di movimento, anche sulla scena. La galleria Mazzoleni di Torino dedica una retrospettiva ad Agostino Bonalumi, a dieci anni dalla morte, che si focalizza, come ha spiegato il curatore Marco Scotini, sulla relazione tra l’artista e lo spazio teatrale.”L’opera di Bonalumi – ha detto ad askanews – è performativa in un certo senso, anche se non è stata capita fino in fondo per questo aspetto, però attraverso le sue estroflessioni crea proprio un rapporto di spinte e controspinte, il teatro delle forze come è stato definito a partire dal titolo di questa esposizione. E proprio per sottolineare questo aspetto, cioè qualcosa che non ha a che fare con dei segni, come si trova in qualsiasi superficie appunto pittorica, ma ha a che fare con delle forze, ho pensato che si poteva approfondire veramente solo tre anni dell’attività di Buonalumi”.Sono gli anni a cavallo tra i Sessanta e i Settanta e Bonalumi collabora attivamente al balletto “Partita” e all’azione coreografica “Rot”. Lo fa con le sue sculture e i suoi colori, con l’ampliamento della dimensione tradizionale dell’opera d’arte, che nelle sale di Mazzoleni – all’ennesima conferma della capacità di organizzare esposizioni estremamente interessanti – si offre in una dimensione nuova, capace anche di modificare lo spazio della stessa galleria.”Si tratta proprio – ha aggiunto Scotini – di un momento particolare del rapporto tra musicisti, coreografi e artisti, il canovaccio è sostanzialmente visivo, per cui è possibile vedere questo rapporto paritretico tra corpi in movimento e sculture in movimento”.In qualche modo sono opere che anticipano molto delle contaminazioni tra discipline tipiche del teatro contemporaneo, nel senso più ampio del termine, e che raccontano di come le avanguardie hanno spesso agito sottotraccia, ma in modo profondo, per arrivare a definire ciò che oggi viviamo come arte. Anche in questo caso nel senso più ampio e attuale del termine.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles