martedì, Febbraio 27, 2024

Cina, ampliata ulteriormente normativa sul segreto di stato

Creerà nuove incertezze tra gli investitori stranieri Roma,...

Ex Ilva, Urso: Taranto è sfida lavoro e industria italiana

Insieme per invertire rotta, darò e chiedo...

Cina, investitori stranieri acquistano obbligazioni interne

A gennaio il quarto più grande afflusso...

Urso: subito risorse per il rilancio e la manutenzione dell’ex Ilva

Sicurezza ambientale e del lavoro fondamentale Roma, 27...

Kode9, la cultura rave come portale su possibili società migliori

video newsKode9, la cultura rave come portale su possibili società migliori

Intervista in Biennale Musica con l’artista e filosofo britannico

Venezia, 31 ott. (askanews) – La musica dance elettronica come fenomeno che ha avuto un significativo impatto sulla società; la cultura rave come un elemento che oggi possiamo considerare in retrospettiva, anche alla luce di ciò che ha saputo anticipare del mondo ipertecnologico contemporaneo. Steve Goodman, in arte Kode9, è un filosofo, musicista e produttore britannico che ha portato alla Biennale Musica di Venezia le proprie sonorità, ma anche la propria visione. A partire da cosa resta oggi della rave culture.”Questa – ha detto l’artista ad askanews – è forse una lezione che possiamo apprendere dalla cultura rave: essere parte di qualcosa che ci stacca per un secondo dai nostri schermi, che ci allontana dal comportamento consumistico. Lo so, l’industria dei club è parte del sistema del capitalismo come qualsiasi altra cosa, ma in questi momenti provvisori, quando si sperimenta una autonomia, per quanto temporanea, continuo a pensare che si aprano dei portali o delle finestre su una società leggermente migliore, dove la priorità è pensarsi come gruppo invece che come singoli individualisti”. Legato al gruppo della CCRU dell’università di Warwick, vicino a una figura centrale nel ragionamento politico sulla cultura contemporanea come Mark Fisher, Kode9 continua a ragionare in termini di collaborazione come comunità anziché di contrapposizione tra singoli individui. E la sua musica punta a ricreare ancora oggi queste possibilità e ad ampliare i contesti.”Per me come musicista essere alla Biennale – ha aggiunto Goodman – è qualcosa di fuori contesto rispetto alle situazioni nelle quali di solito mi esibisco. Sono molto felice di vedere un’istituzione come questa che si apre a qualcuno che produce non solo musica dance, ma una musica strana come la mia, lontana dal mainstream della dance. Sono sempre interessato a sfidare le gerarchie che dividono la cultura alta e quella bassa, quindi poter portare la mia musica in un contesto come la Biennale mi fa sperare che queste gerarchie siano fluide e magari più flessibili di come possono talvolta apparire”.E poi c’è il tema del rapporto con la tecnologia, che è seminale per la musica elettronica, ma ovviamente investe ormai ogni aspetto della nostra vita. “Gli artisti più significativi oggi – ha concluso Kode9 – stanno imparando a migliorare il proprio lavoro collaborando con le macchine, senza cadere nella logica amico/nemico. Certo, molte persone vedono nell’intelligenza artificiale una minaccia, qualcosa che potrebbe prendere il loro posto sulla scena culturale. Lo capisco, ma continuo a credere che sia paranoico e limitante il non voler trarre vantaggio dalle opportunità artistiche che le nuove tecnologie ci offrono, specialmente quando si tratta di usare la tecnologia in modi diversi da quelli per i quali è stata pensata”.Alla Biennale Musica Kode9 si è esibito nel corso della Nero’s Night, organizzata dalla casa editrice per ricomporre la storia del continuum rave. Insieme a Goodman nel Teatro alle Tese dell’Arsenale ha performato anche Loraine James.(Leonardo Merlini)

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles