venerdì, Febbraio 23, 2024

La Roma passa ai rigori, Feyenoord ko

Giallorossi agli ottavi di Europa League, domani...

Riciclo, Industrial Deal e Green Deal al centro della nuova Europa

Il messaggio dall’incontro WEC Italia – Globe...

Maggioranza divisa boccia terzo mandato, Lega: non è finita qui

Ciriani: meglio se avessero ritirato. Pd vota...

Landini: scioperiamo perché il paese non vada allo sbando

video newsLandini: scioperiamo perché il paese non vada allo sbando

Cgil e Uil in piazza a Roma: “Il popolo ha fame”

Milano, 17 nov. (askanews) – Piazza del Popolo, a Roma, gremita di manifestanti nel giorno dello sciopero generale contro la manovra indetto da Cgil e Uil. “Meloni, il popolo ha fame”, “Altre cose devono scendere: le bollette, il caro vita, gli over 60 dai ponteggi”, sono alcuni degli slogan sugli striscioni in una piazza piena di palloncini rossi e blu, i colori dei due sindacati. Sul palco, dove hanno parlato i leader di Cgil e Uil, Maurizio Landini e Pierpaolo Bombardieri, campeggia la scritta “Adesso basta!”.”Noi che siamo qui oggi e stiamo scioperando in questo paese e che sciopereremo ancora, noi non stiamo scioperando solo per noi ma perché vogliamo impedire che questo paese venga portato allo sbando dal governo. Noi difendiamo la nazione e l’interesse generale”, ha detto Landini.Nel mirino dei sindacati oltre che Meloni e il governo, anche Salvini in particolare e la precettazione. “Salvini guarda questa piazza, studiala bene, porta rispetto – ha tuonato Bombardieri -Chi sta qui paga con una giornata di lavoro e ha scelto di essere qui a chiedere risposte. Chi sta qui non fa weekend lunghi perché garantiscono i servizi. C’è gente che lavora quando tu stai il fine settimana” “Il diritto di sciopero è un diritto soggettivo del cittadino lavoratore e non è un caso che è inserito nella Costituzione. Quando limiti questo diritto stai limitando la libertà delle persone”, ha aggiunto Landini.Quella di oggi è la prima tappa della mobilitazione proclamata da Cgil e Uil: cinque giornate con scioperi e manifestazioni in 58 piazze, con oltre 100 presidi su base territoriale e regionale, che coinvolgeranno le regioni del Nord il 24 novembre e quelle del Sud il primo dicembre. Sicilia e Sardegna si fermeranno rispettivamente il 20 e il 27 novembre.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles