venerdì, Febbraio 23, 2024

Gli Usa tornano sulla Luna dopo 52 anni, sbarcato il lander Odysseus

Primo allunaggio da parte di un’entità non...

La Roma passa ai rigori, Feyenoord ko

Giallorossi agli ottavi di Europa League, domani...

Riciclo, Industrial Deal e Green Deal al centro della nuova Europa

Il messaggio dall’incontro WEC Italia – Globe...

Maggioranza divisa boccia terzo mandato, Lega: non è finita qui

Ciriani: meglio se avessero ritirato. Pd vota...

M.O., liberazione ostaggi Gaza, Blinken evoca una “vera speranza”

AttualitàM.O., liberazione ostaggi Gaza, Blinken evoca una "vera speranza"

“Lavoro compiuto è importante e promettente”

Milano, 30 gen. (askanews) – Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha espresso una “vera speranza” che si possa raggiungere un accordo per fermare i combattimenti a Gaza, in cambio del rilascio degli ostaggi, dopo i colloqui con il direttore della Cia e del Qatar a Parigi. Lo ha affermato nel corso di una conferenza stampa a Washington, congiunta con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg. “Abbiamo lavorato per cercare di riportare gli ostaggi fuori da Gaza e allo stesso tempo per ottenere una pausa prolungata, e questo sforzo è qualcosa che stiamo perseguendo molto, molto attivamente proprio ora, ovviamente, con i nostri partner in Qatar, Egitto e Israele”. E anche se le distanze restano sulla completa fine delle ostilità, Israele potrebbe lasciare altri spiragli.

“Penso che il lavoro che è stato fatto, anche solo questo fine settimana, sia importante e sia promettente in termini di ripresa di quel processo” ha dichiarato il segretario di Stato. “Ricordiamo che nel primo tentativo siamo riusciti con i nostri partner in Qatar ed Egitto a raggiungere un accordo che ha portato alla liberazione di più di un centinaio di ostaggi, e ritengo che la proposta sul tavolo e condivisa tra tutti gli attori critici – ovviamente Israele, ma anche il Qatar e l’Egitto che svolgono un ruolo fondamentale nella mediazione e nel lavoro tra Israele e Hamas – credo sia forte e convincente e, ancora una volta, offra qualche speranza che possiamo tornare a questo processo. Ma Hamas dovrà prendere le proprie decisioni. C’è un forte allineamento tra i paesi coinvolti sul fatto che si tratta di una proposta buona e forte, e il lavoro svolto durante il fine settimana, compreso il direttore della CIA Bill Burns, è stato importante nel contribuire a portare avanti questo obiettivo”.

Blinken ha incontrato ieri in mattinata il primo ministro del Qatar, Mohammed bin Abdulrahmane Al-Thani, che ha riferito di “notevoli progressi” nei colloqui di Parigi. “Fin dall’inizio – ha detto Blinken secondo il Dipartimento di Stato – siamo stati chiari nel mettere in guardia chiunque cerchi di trarre vantaggio dal conflitto in Medio Oriente e cercare di espanderlo: non fatelo. Abbiamo adottato misure per difendere noi stessi e i nostri partner, nonché per prevenire un’escalation. E il Presidente (Biden, ndr) è stato chiarissimo: risponderemo con decisione a qualsiasi aggressione e riterremo responsabili le persone che hanno attaccato le nostre truppe. Lo faremo nel momento e nel luogo che riterremo. Allo stesso tempo, rimaniamo concentrati sui nostri obiettivi principali nella regione, sia in termini di conflitto a Gaza che di sforzi più ampi per costruire una pace e una sicurezza veramente durature”.

Blinken ha poi spiegato gli incontri del giorno oltre a quello con Stoltenberg: “A tal fine, ho avuto l’opportunità di incontrare oggi il primo ministro e il ministro degli Esteri del Qatar sugli sforzi in corso per liberare gli ostaggi e per creare una pausa prolungata. Ciò è fondamentale affinché possano arrivare alla formula di cui abbiamo parlato per porre fine in modo duraturo al ciclo di violenza che abbiamo visto nella regione, generazione dopo generazione, e avere l’opportunità di realizzarlo effettivamente”.

Blinken auspica “un Israele integrato con relazioni con tutti i suoi vicini, impegni in materia di sicurezza, garanzie di cui ha bisogno per assicurarsi di poter andare avanti in pace e sicurezza; un’Autorità Palestinese riformata e un percorso chiaro verso uno Stato palestinese”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles