venerdì, 29 Settembre , 23

Milano, aggredita capotreno Trenord. I sindacati: le istituzioni facciano qualcosa

Resta connesso

di Nicolò Rubeis

MILANO – Non è passata inosservata “l’ennesima” aggressione di sabato sera, come denunciano i sindacati, ai danni di una lavoratrice capotreno in servizio tra le stazioni di Milano Lancetti e Milano Villapizzone. Gli assalitori avrebbero riempito la donna di sputi, insulti, calci e pugni, costringendola a recarsi all’ospedale più vicino.

“Oltre ai segni visibili di questo grave fatto- scrivono in una nota congiunta le sigle Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti Uil, Slm Fast Confsal, Ugl Ferrovieri, Faisa Cisal- quello che rimane, anche a livello psicologico, è la violenza inaudita che ha travolto la giovane collega”. I sindacati ricordano poi come “da tempo” stiano denunciando questi “atti criminali e ingiustificabili”, chiedendo contemporaneamente l’attivazione di tavoli di confronto dedicati proprio al tema della sicurezza a terra e a bordo dei treni. Le sigle invitano dunque le istituzioni e le aziende a mettere sul piatto “tutte le risorse possibili” affinché questo argomento possa tornare “al centro” dell’attenzione.

LEGGI ANCHE: Milano, l’istituto Pareto con Pime e Cosv per lo sviluppo agricolo in Mozambico

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Milano, aggredita capotreno Trenord. I sindacati: le istituzioni facciano qualcosa proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

ULTIM'ORA