sabato, Febbraio 24, 2024

Draghi all’Ecofin: servono azioni coraggiose per investimenti Ue

Per doppia transizione, difesa e nostri modello...

Meloni a Kiev: l’Ucraina combatte anche per la nostra libertà, l’Italia c’è

“Continuiamo a garantire il nostro sostegno” Roma, 24...

In Sardegna partita aperta, Truzzu e Todde appesi al fattore Soru

Centrodestra ricompattato all’ultimo alla prova delle urne,...

Nato, Blinken: Ucraina “abietto fallimento strategico” per Putin

AttualitàNato, Blinken: Ucraina "abietto fallimento strategico" per Putin

Steadfast Defender mostra Alleanza pronta difendere ogni centimetro

Milano, 30 gen. (askanews) – “L’aggressione di Putin contro l’Ucraina è stata un abietto fallimento strategico per la Russia, di fatto ha accelerato proprio ciò che Putin cercava di impedire”. Lo ha affermato Il segretario di Stato americano Antony Blinken nel corso di una conferenza stampa a Washington, congiunta con il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg. Putin “voleva ridurre la Nato; ora è più grande e diventa ancora più grande. Voleva indebolire la Nato; è più forte di quanto lo sia mai stata”.

Secondo Blinken “tutto ciò raggiungerà un importante punto di svolta quando arriveremo al vertice della Nato lo storico vertice che siamo molto onorati di ospitare a Washington a luglio. Questo sarà, a mio avviso, il vertice più ambizioso dalla fine della Guerra Fredda, e mostrerà l’adattamento della Nato alle nuove sfide e alle nuove minacce, sia che si tratti della Russia, sia che si tratti, in modi molto diversi, della Repubblica Popolare Cinese, nel settore informatico, del terrorismo. E quello che state vedendo è un’Alleanza che, come ho detto, si sta unendo in modi nuovi e più forti per assicurarsi di poter affrontare efficacemente queste sfide. E anche se quando arriveremo al vertice della NATO festeggeremo i 75 anni della sua storia, il vero focus del vertice sarà sui prossimi 75 anni e su tutto ciò che la NATO ha fatto per adattarsi e migliorarsi, come è stata, indispensabile alla difesa e alla sicurezza dei suoi membri”.

Poi è venuta dal capo della diplomazia statunitense anche una chiara spiegazione di cosa sono le maxi esercitazioni Steadfast Defender. “Alcune di queste capacità e parte di quella forza – ha detto – sono state dimostrate quando abbiamo dato il via alle più grandi esercitazioni militari della Nato dalla fine della Guerra Fredda, Steadfast Defender, 90.000 membri del personale che stanno inviando un messaggio molto chiaro: questa Alleanza è pronta ed è in grado di farlo. Per difendere ogni centimetro quadrato del territorio della Nato”.

Secondo Stoltenberg “la brutale guerra della Russia contro l’Ucraina si avvicina al traguardo dei due anni, e una vittoria russa incoraggerebbe Iran, Corea del Nord e Cina. Ciò è importante per la sicurezza dell’Europa ed è importante per la sicurezza dell’America, quindi sostenere l’Ucraina serve gli interessi degli Stati Uniti. Per una piccola frazione della spesa annuale per la difesa, gli Stati Uniti hanno aiutato l’Ucraina a distruggere gran parte della capacità di combattimento della Russia senza mettere in pericolo un solo soldato americano”.

Blinken dal canto suo ha detto di aver discusso con il segretario generale “del fermo sostegno della Nato all’Ucraina. La settimana scorsa, la Nato ha firmato un contratto da 1,2 miliardi di dollari per la produzione di 220.000 proiettili di artiglieria. Ciò aiuterà gli alleati a rifornire i propri arsenali e integrerà gli sforzi degli Stati Uniti, dell’Unione Europea e dell’Ucraina per aumentare la produzione della difesa. Ciò renderà la Nato stessa e tutti i suoi alleati molto più resilienti alle minacce future. Mentre tutti noi affrontiamo queste sfide – e voglio sottolineare che nel caso dell’Ucraina lo abbiamo visto molto, molto chiaramente – probabilmente non c’è mai stato un esempio migliore di condivisione degli oneri nella storia dell’Alleanza e dei partenariati che noi avere con paesi diversi da quelli che vediamo quando si tratta dell’Ucraina”.

Stoltenberg in risposta ha accolto con favore il chiaro impegno “da parte vostra e del presidente Joe Biden a sostenere l’Ucraina e a collaborare con il Congresso per raggiungere questo obiettivo. Come lei ha detto, anche altri alleati si stanno facendo avanti. In effetti, ciò che gli alleati europei della NATO e il Canada forniscono in termini di aiuti militari, finanziari e umanitari supera di fatto ciò che forniscono gli Stati Uniti. Si tratta quindi davvero di uno sforzo congiunto di tutti gli alleati della NATO su entrambe le sponde dell’Atlantico, e sono fiducioso che tutti gli alleati della NATO continueranno a dare risultati, perché sostenere l’Ucraina non è carità. È un investimento nella nostra sicurezza”.

Il segretario generale della Nato ha inoltre sottolineato che “Putin ha iniziato questa guerra e potrebbe finirla oggi se smettesse di attaccare un vicino. La guerra potrebbe anche finire se l’Ucraina smettesse di difendersi, ma ciò non significherebbe la pace. Significherebbe l’occupazione russa, e l’occupazione non è pace. Una pace giusta richiederà che il presidente Putin si renda conto che non otterrà ciò che vuole sul campo di battaglia. Mosca deve accettare una soluzione negoziata in cui l’Ucraina prevalga come nazione sovrana e indipendente. Ciò che accade attorno al tavolo delle trattative è indissolubilmente legato alla situazione sul campo di battaglia. Quindi, se vogliamo una pace giusta e duratura, dobbiamo fornire all’Ucraina più armi e munizioni. Le armi all’Ucraina sono la via verso la pace”.

Sul tavolo dell’incontro anche il futuro dell’Alleanza. “La Finlandia è già membro; la Svezia diventerà presto membro. E questo dimostra che Putin sta ottenendo esattamente il contrario di ciò che voleva… Al vertice faremo ulteriori passi per rafforzare la Nato, investire di più nella nostra difesa e collaborare con partner in tutto il mondo. Attraverso la NATO, gli Stati Uniti hanno più amici e alleati di qualsiasi altra potenza. Insieme costituiamo il 50% della potenza economica e militare mondiale. La Cina e la Russia non hanno nulla di simile”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles