sabato, Febbraio 24, 2024

Roma, don Ciotti torna al campo “don Pino Puglisi” a Montespaccato

“Istruzione, sport e cultura fondamentali per sconfiggere...

Schlein replica su terzo mandato, minoranza Pd insiste: chiarimento

Nardella: “Tema ancora aperto” Roma, 23 feb. (askanews)...

Congresso Forza Italia con vista Europee.Tajani: Berlusconi come Maradona

Sullo sfondo la competizione (negata a parole)...

Nobel 2023 chimica, tecnologia che ha prodotto laser indossabile

video newsNobel 2023 chimica, tecnologia che ha prodotto laser indossabile

Fabio Fontana:in Veneto l’esperienza vincente Tao Tecnologies

Roma, 30 ott. (askanews) – Il riconoscimento che l’Accademia svedese ha attribuito a Moungi G. Bawendi, Louis E. Brus e Alexei I. Ekimov riguarda la scoperta e la sintesi dei punti quantici, ovvero i componenti più piccoli finora scoperti nel mondo delle nanotecnologie: si tratta di particelle di materiali semiconduttori dalle dimensioni nanometriche, dove un nanometro corrisponde a un miliardesimo dimetro, che hanno rivoluzionato lo studio e la manipolazione della materia a livelli minuscoli. Le loro piccole dimensionipermettono infatti di sfruttare proprietà uniche, a partire dal colore, che vengono meno quando si passa a dimensioni maggiori.Tecnologia che, nel cuore del Veneto, ha prodotto un laser indossabile che ha permesso al campione di tessnis, NovakDjokovic, di tornare assoluto protagonista. “Sono rimasto stupefatto -spiega Fabio Fontana, Ceo di Tao Tecnologies, l’azienda che produce il laser- quando al RolandGarros, Djokovic ha alzato la maglietta e si è visto il dispositivo, per non parlare della dichiarazione in conferenza stampa! Probabilmente l’ha usato per tenere “in bolla” il suo assetto posturale e ridurre il rischio di dolori muscolari. Il bello è che non se ne stacca più. Lo si è visto in ogni match anche a Wimbledon. Il nostro laser indossabile ha fatto il giro del mondo. E noi siamo contenti di aver fatto la nostra parte e di aver reso onore all’Italia, contribuendo alla sua vittoria che arricchisce ancor di più un palmares da fare invidia”.Ma Novak non è il solo atleta a farne uso: “Abbiamo dato ossigeno -afferma Fontana- al ciclista Andrea Pasqualon, che loha applicato anche al recente Giro d’Italia, al campione di marcia, Michele Antonelli, e abbiamo permesso alla sciatrice AsjaZenere di non abbandonare le gare. Aveva avuto in brutto incidente che le aveva procurato la rottura del ginocchio.Faticava a riprendersi con la sola fisioterapia. Ma, una volta applicato il nostro dispositivo, è tornata a veleggiare fra ipaletti dello slalom gigante come se nulla fosse accaduto e si è imposta in Coppa Europa, ritrovando così il sorriso. Anche nelcalcio ovviamente se ne fa uso. Abbiamo iniziato, anni fa, con il Palermo, di Zamperini ma oggi sono diversi i professionisti chelo utilizzano. Come, ad esempio, Mirko Antonucci del Cittadella”. Noi formiamo medici e fisioterapisti e loro li usano sui loroatleti.Off record, Fontana svela anche un segreto. Per il momento, inconfessabile: “La mia invenzione -ricorda- non cura solo ildolore ma viene usato anche per prevenirlo. Una nota società di calcio di Serie A, una squadra molto importante, ha deciso diapplicarlo nei plantari degli scarpini. Degli scarpini di tutti i suoi calciatori. Non posso svelare il nome ma sono sicuro che leprestazioni rese siano migliorate anche grazie al nostro intervento. Il nostro obiettivo però non è solo quello di renderepiù efficace il lavoro di un atleta. La nostra ambizione è quella di consentire a tutti di poter vivere meglio la propriaquotidianità”

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles