sabato, Aprile 13, 2024

Attacco con coltello in un centro commerciale di Sydney, almeno sei morti

Tra loro l’aggressore. Polizia: ha agito da...

Immanuel Casto annuncia le date del tour estivo dopo 30 sold out

Con Non erano battute irresistibile monologo meta-comico Milano,...

Lavoro, Sbarra: unità e coesione per porre fine alla carneficina

I primi passi del Governo sono importanti,...

Salute, Fabio Caressa in campo per lo spot “Tutta un’altra SMA”

video newsSalute, Fabio Caressa in campo per lo spot "Tutta un'altra SMA"

Attivo numero solidale per donazioni a campagna Famiglie SMA

Roma, 18 set. (askanews) – “C’è un limite nella vita di uno sportivo che se si ha la forza di superare ti fa pensare di non avere più confini. E sono proprio queste le partite che non si dimenticano mai”: è la voce del giornalista sportivo Fabio Caressa ad accompagnare quest’anno “Tutta un’altra SMA”, la campagna di Famiglie SMA in corso fino all’8 ottobre per sostenere le persone con atrofia muscolare spinale attraverso il Numero Verde Stella.Nel video, realizzato con la regia di Silvia Cadoni le immagini di una partita di calcio tra bambini: alcuni in carrozzina elettrica, altri in piedi, sono tutti in campo per una sfida all’insegna della solidarietà e per affrontare sfide difficili.Attraverso il numero solidale 45585 (2 euro con l’sms da rete mobile, 5 o 10 euro da rete fissa) è possibile sostenere il Numero Verde Stella: il servizio gratuito dell’associazione che risponde allo 800.58.97.38. Composto da un team di esperti formato da avvocati, medici, psicologi e counselor, è una squadra pronta a intervenire in aiuto per i diversi ambiti legati alla patologia: normativo e legale, sociale, psicologico e medico.Malattia genetica rara in cui si perdono progressivamente le capacità motorie, l’atrofia muscolare spinale colpisce soprattutto in età pediatrica (in Italia nascono ogni anno circa 40-50 bambini con la patologia) rendendo difficili gesti quotidiani come sedersi e stare in piedi, nei casi più gravi deglutire e respirare.Una convivenza difficile, ma che negli ultimi anni – grazie alla ricerca scientifica e agli sforzi di chi combatte in prima linea – sta diventando un po’ meno complessa. Se fino al 2017 non esistevano infatti terapie per contrastarla, oggi se ne possono contare ben tre, tra cui la prima terapia genica e la prima a somministrazione orale.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles