sabato, 2 Luglio , 22

Stellantis, 620 tute blu tornano a lavoro nello stabilimento di Pomigliano d’Arco

Resta connesso

NAPOLI – Nello stabilimento Stellantis di Pomigliano d’Arco (Napoli) torneranno al lavoro 620 tute blu. E’ quanto emerso nel corso dell’incontro, che si è tenuto nel pomeriggio nella fabbrica alle porte di Napoli, tra Alessandro Falcolini, capo del personale dell’azienda, Antonio Vece delle relazioni sindacali, le Rsu di fabbrica e i rappresentanti delle segreterie di Uilm, Fim, Fismic e Ugl. “Valutiamo positivamente quanto stabilito oggi. Saranno 620 le persone che usciranno dalla solidarietà e che saranno impiegate nella produzione della nuova Tonale”. Così il segretario generale Uilm Campania Crescenzo Auriemma, che ha aggiunto: “Abbiamo anche chiesto all’azienda di eliminare la solidarietà ad altri reparti di montaggio che producono la Panda. Cosa che, molto probabilmente, riusciremo a fare forse dopo l’estate”.

A queste condizioni, le parole del sindacalista, il lancio della Tonale “diventa più significativo: adesso si producono 50 vetture al giorno mentre, entro metà giugno, saranno realizzate 150 auto quotidianamente. Un ottimo risultato se si considera che il massimo della capienza produttiva è di 160 Tonale giornaliera. Situazione che consentirebbe l’occupazione di circa 300 lavoratori al giorno”. “Abbiamo fiducia in questo processo e in questo prodotto – ha concluso Auriemma – Siamo certi che questo lavoro che stiamo svolgendo come sindacato ci dia risultati sempre più positivi per lo stabilimento di Pomigliano”. Dopo quanto stabilito oggi saranno in totale 818 le persone per le quali finirà il periodo di solidarietà e di cassa integrazione. Il prossimo appuntamento tra azienda e sindacati è stato fissato per fine giugno.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Stellantis, 620 tute blu tornano a lavoro nello stabilimento di Pomigliano d’Arco proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

ULTIM'ORA