venerdì, Febbraio 23, 2024

Gli Usa tornano sulla Luna dopo 52 anni, sbarcato il lander Odysseus

Primo allunaggio da parte di un’entità non...

La Roma passa ai rigori, Feyenoord ko

Giallorossi agli ottavi di Europa League, domani...

Riciclo, Industrial Deal e Green Deal al centro della nuova Europa

Il messaggio dall’incontro WEC Italia – Globe...

Maggioranza divisa boccia terzo mandato, Lega: non è finita qui

Ciriani: meglio se avessero ritirato. Pd vota...

Taiwan: record di jet e navi militari Cina intorno all’isola dopo visita delegazione Usa

Dall'Italia e dal MondoTaiwan: record di jet e navi militari Cina intorno all’isola dopo visita delegazione Usa

(Adnkronos) – Resta alta la tensione nello Stretto di Taiwan dopo le elezioni sull’isola e la vittoria alle presidenziali di William Lai, considerato da Pechino un pericoloso “separatista”, seguita dalla visita a Taipei di una delegazione Usa. Il ministero della Difesa di Taiwan denuncia di aver rilevato nelle ultime 24 ore la presenza intorno all’isola di 33 velivoli e sei unità navali dell’Esercito popolare di liberazione cinese. 

Si tratta di un numero record da quando lo scorso 13 gennaio a Taiwan si sono tenute le elezioni legislative e presidenziali. Secondo il ministero, 13 velivoli hanno superato la cosiddetta “linea mediana” dello Stretto di Taiwan, che per la Cina non esiste. Rilevata anche, hanno denunciato da Taipei, la presenza di due palloni aerostatici cinesi, che hanno allo stesso modo superato la ‘linea mediana’. Episodi di questo genere sono diventati un tema sensibile dalla crisi del “pallone spia” del febbraio dello scorso anno tra Cina e Stati Uniti. 

Le ‘manovre’ cinesi vengono denunciate dopo che l’isola, di fatto indipendente ma per la quale il leader cinese Xi Jinping vuole la “riunificazione”, ha accolto la prima delegazione del Congresso Usa dalle elezioni di gennaio con l’obiettivo di “riaffermare il sostegno degli Stati Uniti a Taiwan”. La visita di tre giorni ha visto impegnati il democratico Ami Bera e il repubblicano Mario Díaz Balart, co-presidenti del Congressional Taiwan Caucus. 

Gli Stati Uniti, pur riconoscendo il principio di “un’unica Cina” caro a Pechino, sono impegnati a sostenere le capacità di difesa dell’isola con cui hanno relazioni ‘informali’. Due anni fa il Dragone rispose con maxi manovre militari alla visita a Taiwan di Nancy Pelosi.  

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles