martedì, 24 Maggio , 22

Via D’Amelio, Martelli: “Nessuna indagine su mancata protezione a Borsellino, incuria o peggio?”

Resta connesso

PALERMO – “Era inammissibile e inaccettabile, prova di colpevole incuria o di qualcosa di peggio, una forma di omertà o di omissione più o meno consapevole, il fatto di non avere provveduto a sorvegliare nemmeno la casa della madre di Borsellino, che dopo la morte di Falcone era il primo obiettivo della mafia”. Così l’ex ministro di Grazia e Giustizia, Claudio Martelli, nel corso di una audizione in commissione Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana.”Dopo l’attentato di via D’Amelio mi recai a Palermo, riunii i vertici dello Stato in prefettura e credo di avere fatto la più violenta intemerata fatta nel mio ruolo di ministro – ha ricordato Martelli -, affrontando di petto tutti i presenti: vertici di carabinieri, polizia, guardia di finanza, procuratori e uomini dei Servizi”.

“La cosa più inquietante – aggiunge Martelli – è che mai nessuna indagine è stata aperta sulla mancata protezione di Paolo Borsellino. Come sorprendersi dei depistaggi se non c’è stata una indagine su questa mancata protezione?”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Via D’Amelio, Martelli: “Nessuna indagine su mancata protezione a Borsellino, incuria o peggio?” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

ULTIM'ORA