sabato, Dicembre 9, 2023

Dominium Dei di Ivo Mej, thriller storico che sconfina nel futuro

Potere, Chiesa, denaro, omicidi. Un intrigo che...

In libreria, “Il consolo” di Orsola Severini

La storia di un aborto terapeutico ambientata...

Comunali Firenze,Iv candida Saccardi: è spaccatura storica con Pd

Ufficializzata la sfida lanciata da Renzi a...

Blitz di Extinction Rebellion in 5 città, acque colorate di verde

Per “denunciare l’ennesimo fallimento politico dalle Cop28″Milano,...

Ira Sachs: “Passages” film sulla vulnerabilità, pensando a Visconti

video newsIra Sachs: "Passages" film sulla vulnerabilità, pensando a Visconti

Il film con Franz Rogowski dal 17 agosto nei cinema

Roma, 3 lug. (askanews) – Un regista narciso, alla ricerca continua di emozioni, sposato con un uomo e che si innamora di una donna ma poi si perde in un’affannosa corsa verso la soddisfazione dei propri bisogni. E’ un personaggio complesso il protagonista di “Passages”, presentato a Roma dal regista Ira Sachs, dal 17 agosto nei cinema distribuito da Lucky Red in collaborazione con MUBI. Ad interpretarlo è Franz Rogowski e in qualche modo è ispirato al protagonista de “L’innocente” di Visconti.”È un film su un uomo che non può avere tutto quello che vuole e credo che questo gap tra ciò che ha e ciò che vuole è molto avvincente e umano”.Il film tocca temi diversi e contemporanei, dalla ricerca di una identità sessuale alla famiglia allargata alla genitorialità per le coppie omosessuali. Ha il pregio, però, di trattare tutto questo senza dare definizioni o cercare confini netti.”Se vogliamo trattare la vulnerabilità degli esseri umani non ci possiamo fermare a etichette, definizioni. Se non avessi fatto il regista probabilmente avrei fatto lo psicanalista perché quello che faccio come filmaker è provare a stare attento, ascoltare e lasciare che i personaggi parlino a se stessi, anche senza parole”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles